skip to Main Content
0921933040 radiologiacampofelice@gmail.com Via Umberto I 20, 90010, Campofelice di Roccella Orari Lun-Ven 8.30 -12.30 / 15.00 - 19.00
DITO A SCATTO

DITO A SCATTO

Il dito a scatto è un fenomeno che si verifica soprattutto nel pollice, nel dito medio e nell’anulare.

I pazienti generalmente presentano uno schiocco, un blocco o uno scatto nel dito interessato che è spesso doloroso, anche se non necessariamente. La patologia alla base del dito a scatto è l’impossibilità dei due tendini flessori del dito di scorrere regolarmente  sotto la puleggia (la puleggia è una sorta di “tunnel”attraverso cui scorrono i tendini flessori) .

I pazienti hanno spesso un nodulo palpabile sul tendine flessore che tira bruscamente attraverso la puleggia ristretta. (scatto).

La risoluzione spontanea a lungo termine avviene raramente. Se non viene trattato, il dito a scatto rimarrà come un disturbo doloroso.

In passato il trattamento conservativo prevedeva l’immobilizzazione del dito in estensione per evitare lo scatto; questo sistema è stato poi abbandonato a causa dell’irrigidimento e degli scarsi risultati. Attualmente il trattamento non chirurgico si basa su iniezioni di corticosteroidi somministrati in anestesia locale. È stato riscontrato che i casi di recidiva del dito a scatto in seguito a iniezioni di corticosteroidi dipendono da vari fattori: la giovane età, l’assunzione di insulina nei casi di diabete mellito, il coinvolgimento di varie dita e precedenti tendinopatie.

Inoltre, questa patologia può verificarsi anche nei bambini; si parla in questi casi di affezione congenita e comporta una dfficoltà in estensione. Di solito non è accompagnata da dolore, nè da scatto perchè il dito resta bloccato. Un recente studio ha rivelato che nel 63% dei casi si verifica una risoluzione spontanea, i rimanenti casi richiedono un intervento chirurgico quando il paziente raggiunge l’età di 2-3 anni.

Please follow and like us:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top