skip to Main Content
0921933040 radiologiacampofelice@gmail.com Via Umberto I 20, 90010, Campofelice di Roccella Orari Lun-Ven 8.30 -12.30 / 15.00 - 19.00
L’osteoporosi, La Silenziosa “ladra Di Ossa”

L’osteoporosi, la silenziosa “ladra di ossa”

Nota anche come “ladra di ossa”, l’osteoporosi è una patologia tipica dell’età matura ed avanzata che, percentualmente parlando, tende a colpire in maggior misura le donne. Si tratta, a ben guardare, di una patologia piuttosto insidiosa, in quanto spesso asintomatica. Insomma chi ne è affetto tende ad accorgersene quando “il danno” oramai è fatto. Non a caso, e come sempre accade in medicina, la prevenzione riveste un ruolo fondamentale. Ma facciamo un passo indietro e conosciamo meglio questa patologia. 

Che cos’è l’osteoporosi? 

L’osteoporosi è una patologia del sistema scheletrico che, con l’andare del tempo, porta ad un progressivo impoverimento della qualità delle ossa di chi ne è affetto. Mano a mano che la patologia avanza, le ossa divengono sempre più fragili: può capitare che, in virtù di questa fragilità, il paziente incorra in una lunga serie di microfratture spesso senza esserne nemmeno consapevole. Intervenire prima che si verifichino fratture di entità maggiore (come quella del femore, particolarmente comune in età avanzata) è d’obbligo.

Da cosa è causata l’osteoporosi? 

Come detto in apertura, ad essere maggiormente affette da osteoporosi sono le donne. L'”imputata” numero uno è sicuramente la menopausa, che porta con sé un importante calo di estrogeni che, a sua volta, causa un impoverimento della struttura ossea, con perdita di fosforo e calcio. Ma non è solamente la menopausa ad essere la responsabile dell’osteoporosi: tra gli altri fattori di rischio citiamo la familiarità, la presenza di altre patologie (anche sistemiche), l’assunzione di determinati farmaci per periodi molto lunghi e, non ultimo, uno stile di vita sbagliato, basato su un’alimentazione scorretta e sulla ridotta attività fisica. 

Come difendersi dall’osteoporosi?

Per difendersi opportunamente dall’osteoporosi è fondamentale fare prevenzione. E la prevenzione non si fa recandosi dal medico, ma anzi assumendo uno stile di vita sano e virtuoso, che includa: 

  • un regime alimentare vario e sano, basato su alimenti freschi e di stagione e sull’abitudine di bere molta acqua;
  • una vita poco sedentaria ed anzi molto propensa all’attività fisica, meglio se all’aperto (non si dimentichi che la luce solare favorisce la sintesi della vitamina D, indispensabile per la salute delle ossa);
  • l’abbandono di abitudini di vita scorrette, in primis il fumo di sigaretta. 
osteoporosi - Radiologia Campo Felice

E sul fronte puramente medico, come si diagnostica l’osteoporosi?

L’osteoporosi si diagnostica a partire da un esame del sangue volto a misurare la presenza di calcio e fosforo, ma anche di vitamina D ed altri indicatori preziosi per valutare lo stato di salute del sistema scheletrico. 

Un altro esame particolarmente utile per la diagnosi dell’osteoporosi è la MOC – Mineralometria Ossea Computerizzata, il cui obiettivo è proprio quello di individuare tanto la patologia in sé e per sé, quanto eventuali osteopenie, cioè carenze nella quantità di massa ossea. Non si dimentichi che la MOC è altresì in grado di misurare la quantità e la concentrazione di calcio, fosforo, magnesio ed altri minerali presenti all’interno dello scheletro del paziente, oltre che ad individuare i distretti nei quali la patologia si presenta in modo più insidioso

Una curiosità

La cosiddetta “gobba della vedova”, nota in gergo medico con il nome di cifosi, è un collasso dei corpi vertebrali che può essere causato, oltre che da posture scorrette, anche dall’osteoporosi. 

Vuoi saperne di più? 

Chiamaci. Siamo a tua disposizione dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 18.00 allo 0921 933040.

 

Photo credits Freepik.com

Please follow and like us:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top