skip to Main Content
0921933040 radiologiacampofelice@gmail.com Via Umberto I 20, 90010, Campofelice di Roccella Orari Lun-Ven 8.30 -12.30 / 15.00 - 19.00

L’ecografia internistica è un esame diagnostico utile per l’osservazione degli organi addominali. Il medico curante o lo specialista la richiedono solitamente sulla base di familiarità verso determinate patologie oppure a causa della manifestazione di sintomi che possono indurre a pensare alla presenza di patologie addominali. Come per tutte le altre ecografie, si tratta di un esame non invasivo e non doloroso che si avvale di strumenti diagnostici di ultima generazione basati sull’uso di tecnologie ad ultrasuoni, onde sonore ad alta frequenza non udibili dall’orecchio umano e non dannose per la salute..

Come si svolge l’esame

Durante l’esame il paziente viene fatto stendere. La regione addominale viene cosparsa con uno speciale gel avente la funzione di agevolare il passaggio degli ultrasuoni. Il medico colloca la sonda sulla regione interessata ed osserva a terminale le immagini degli organi addominali. E’ così possibile osservare la forma, la posizione e le eventuali alterazioni degli organi coinvolti nell’indagine diagnostica.

Panoramica sulle patologie di interesse dell’ecografia internistica

L’ecografia internistica si esegue in presenza di familiarità verso determinate malattie oppure di sintomi specifici che possono indicare la presenza di uno stato patologico.

Tra questi sintomi, citiamo:

  • feci molto chiare e urine molto scure;
  • presenza di sangue nelle urine;
  • itterizia;
  • dolori addominali;
  • vomito, nausea;
  • cattiva digestione;
  • coliche;
  • infezioni ricorrenti;
  • presenza di masse addominali, percepibili dal medico alla palpazione.

Gli organi che è possibile osservare grazie all’ecografia internistica sono:

  • fegato;
  • colecisti;
  • pancreas;
  • milza;
  • reni;
  • surreni;
  • vescica;
  • prostata;
  • utero;
  • ovaie;
  • canali inguinali;
  • scroto e testicoli.

A seconda degli organi che si intende osservare, si potrà eseguire un’ecografia internistica dell’intera regione addominale, della sua parte superiore oppure di quella inferiore e diagnosticare di conseguenza differenti tipi di patologie. In linea generale, l’ecografia internistica è utile per evidenziare la presenza di alterazioni di indole traumatica, infiammatoria o neoplastica.

Per fare qualche esempio:

  • alterazioni o rallentamenti nella funzionalità degli organi;
  • alterazioni nella forma degli organi;
  • infiammazioni o ispessimenti (che nell’intestino possono essere, per esempio, sintomo di patologie da malassorbimento);
  • presenza di calcoli (nei reni);
  • presenza di ernie;
  • presenza di tumefazioni, noduli, cisti, neoplasie, malformazioni.

Cura delle patologie addominali

L’ecografia internistica è uno strumento e particolarmente versatile nelle mani di diversi specialisti, dall’internista fino all’endocrinologo, il ginecologo, l’epatologo e molti altri. Oltre alla sua comprovata utilità in ambito diagnostico, l’ecografia internistica è preziosa anche come “guida” nel corso di delicate manovre quali, per esempio, biopsie, posizionamento di cateteri e drenaggi di ascessi. La cura delle eventuali patologie individuate tramite questo tipo di ecografia include procedure prettamente mediche ma anche chirurgiche. Tutto dipende dalla tipologia e dalla severità delle patologie individuate e prese in esame, oltre che dal quadro clinico e dall’anamnesi del paziente.

FAQ

Devo sottopormi ad un’ecografia internistica. E’ necessaria qualche forma di preparazione?

Sì. A differenza delle altre tipologie di ecografia (mammografia, ecografia muscolo-tendinea, ecodoppler), l’ecografia internistica si esegue a digiuno, per favorire una migliore osservazione degli organi interni. Inoltre, nei giorni precedenti l’esame si consiglia di mantenere una dieta leggera, priva di scorie e di grassi eccessivi, e di evitare alcolici e bibite gasate. Nel caso di un’ecografia internistica della regione addominale inferiore, si richiede anche di presentarsi a vescica “distesa”, cioè non vuota. Sarà sufficiente bere due bicchieri d’acqua qualche ora prima dell’esame.

Please follow and like us:
Back To Top