skip to Main Content
0921933040 radiologiacampofelice@gmail.com Via Umberto I 20, 90010, Campofelice di Roccella Orari Lun-Ven 8.30 -12.30 / 15.00 - 19.00
TENDINE DI ACHILLE: LESIONI E ROTTURA

TENDINE DI ACHILLE: LESIONI E ROTTURA

Il tendine di Achille è il più grosso e forte di tutto il corpo.

Le lesioni del tendine di Achille sono generalmente associate a impatti con carico ripetuti, prodotti da corsa o salti. L’azione di spinta verso il suolo con il piede che sopporta il carico e il ginocchio esteso, un’improvvisa flessione dorsale della caviglia sono i meccanismi classici della rottura del tendine di Achille.

Infatti i livelli di sollecitazione durante queste contrazioni possono raggiungere 6-12 volte il peso del corpo.

I principali fattori che danno luogo a un danno del tendine di Achille in un atleta (per esempio, corridori di mezzofondo e di fondo) sono errori nell’allenamento, come improvvisi aumenti di attività, improvvisi aumenti nell’intensità dell’allenamento (distanza, frequenza), ripresa dell’allenamento dopo lunghi periodi di inattività e corsa su terreni accidentati o soffici. Una disfunzione del tendine di Achille può essere legata a problemi posturali, a calzature sportive inadeguate (in genere difettose nel supporto del calcagno).

La maggior parte dei problemi del tendine di Achille può essere diagnosticata mediante un’anamnesi completa e un esame clinico. La radiologia serve semplicemente a confermare la diagnosi, nella pianificazione dell’intervento chirurgico o a escludere altre possibili diagnosi.

Invece, la rottura completa del tendine di Achille tende a verificarsi in pazienti di mezza età e in quelli senza segni preesistenti. Solitamente si avverte un dolore acuto e uno schiocco al momento della rottura; i pazienti spesso descrivono la sensazione di aver ricevuto un calcio nel tendine di Achille. La maggior parte dei pazienti ha un’immediata impossibilità a sostenere il peso o a tornare all’attività.Inoltre all’inizio può essere presente nel tendine un difetto palpabile. Le fratture non sempre possono essere diagnosticate facilmente in quanto il tendine può essere nascosto dietro un ampio ematoma.

Inoltre una piccola curiosità legata al nome di questa patologia : tallone d’Achille deriva dalla mitologia greca: la nereide Teti madre di Achille, aveva ricevuto una profezia della morte di suo figlio; allora lo immerse nel fiume Stige per proteggerne il corpo dai pericoli. Tuttavia, lo tenne con la mano per il suo tendine, il che significa che l’acqua non toccò questa parte del suo corpo, il quale rimase quindi vulnerabile. Durante la guerra di Troia, Achille fu colpito su quel tendine da una freccia avvelenata, che lo uccise.

Leggi anche il nostro post sulla distorsione alla caviglia.

Please follow and like us:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back To Top